Giovanni Verga, zucchero e …zucche

halloween.jpg

“Il dì dei morti …le mamme vanno in punta di piedi a mettere dolci e giocattoli nelle piccole scarpe dei loro bimbi, e questi sognano lunghe file di fantasmi bianchi carichi di regali lucenti, e le ragazze provano sorridendo dinanzi allo specchio gli orecchini o lo spillone che il fidanzato ha mandato in dono per i morti…”

1887: nella novella “La Festa dei Morti”, Giovanni Verga descrive le emozioni legate alla ricorrenza del 2 novembre in Sicilia. Segretezza e complicità dei genitori, aspettative dei bimbi in un’aria di mistero, gioia di donare e di ricevere regali e dolciumi! 

frutti.jpg

Vi proponiamo una riflessione del Prof. Salvatore Farina, uno degli ideatori dell’iniziativa “S-culture di zucchero“, che avrà luogo a Caltanissetta dal 30 ottobre al 6 novembre:

“…in quasi tutte le parti del mondo, comprese le altre regioni d’Italia, i defunti si commemorano… soltanto. Noi invece, oltre a commemorarli, li “festeggiamo!”. Secondo le culture dominanti, festeggiare i morti è qualcosa di scandaloso. Per la Sicilia è la testimonianza più viva di una ricchissima appartenenza storica. Festeggiare i morti significa per il popolo siciliano poter vantare una grande storia alle spalle, una storia che ci lega direttamente alle più grandi civiltà del passato. La festa dei morti è dunque per noi un preziosissimo “fossile vivente” che parla in sicano, siculo, elimo, fenicio, greco e soprattutto latino.”

pupi3.jpg

Se volete saperne di più sull’argomento, venite a curiosare nelle sezioni della nostra Biblioteca relative alla “Storia della Sicilia” e alle “Tradizioni popolari siciliane”.

In Rete segnaliamo un documento sul Capodanno celtico  che fa riferimento, oltre che alle nostre tradizioni siciliane, ad una festa messicana.

Infine, se proprio impazzite per Halloween, segnaliamo alcune risorse online a cura di History Channel, …in lingua inglese, naturalmente

Annunci

2 Responses to “Giovanni Verga, zucchero e …zucche”


  1. 1 claudio natale 8 novembre 2007 alle 11:00 am

    Ho visitato il blog e mi è molto piaciuto per i contenuti oltre che per la ricchezza di immagini….. ottimo esempio di scuola che si evolve anche attraverso le nuove tecnologie; a mio avviso bisogna aumentare e potenziare queste potenzialità e far sì che tutti possano avvalersi delle ricchezze contenute nella biblioteca…. sarebbe necessaria una catalogazione digitale dei volumi in essa contenuti per facilitarne la ricerca e l’accesso a un gran numero di utenti.Inoltre bisognerebbe invogliare gli studenti a leggere maggiormente attraverso iniziative volte a catturare la loro curiosità e i loro interessi.

    Mi piace

  2. 2 Themes for facebook 28 ottobre 2012 alle 6:05 am

    I already knew that, but it’s always nice to even inform everyone knows,

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




La Biblioteca si racconta…

itinerario pe immagini

Itinerario per immagini

Trova il libro per te

trovalibro

Clicca sull'immagine

Trova risorse

Wiki

Clicca sull'immagine

Trovarisorse è un servizio online della nostra biblioteca per studenti e insegnanti. Il wiki contiene segnalazioni di risorse Web suddivise per categorie.

Suggerisci gli acquisti

Clicca sul link e compila il form per suggerire nuovi acquisti o eventi particolari: Suggerimenti

Abbiamo incuriosito

  • 16,217 visitatori

Scarica la brochure

brochure

Abbonati al feed

rss

Archivio

Links più cliccati

  • Nessuna
free counters

Progetto ESQ_EUR

E' possibile scaricare il documento finale del Progetto di Sviluppo Scolastico Comenius "ESQ_EUR - Enhancing Schools Quality in EURope - Examples of good practice". questo è il link

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: